Come arrivare a Caltanissetta?



 

Caltanissetta è a 588 metri di altezza s.l.m. comune e capoluogo della provincia di Caltanissetta che si trova nella parte interna occidentale della Sicilia. I suoi abitanti sono chiamati nisseni.

La città, che nel 2013 aveva una popolazione di 63.034, abitanti è il 14° comune in Italia per la sua estensione e il sesto più alto capoluogo Comune e Provincia, la seconda dopo la città siciliana di Enna.

Il patrono è San Michele Arcangelo, a cui la cattedrale è dedicata. Storia, folklore e gastronomia si fondono perfettamente a Caltanissetta, una splendida provincia nel cuore della Sicilia.

Le radici della città sono seminate in profondità nella storia, come dimostrano i numerosi reperti archeologici e splendidi castelli sparsi su tutto il suo territorio. La sua storia ha subito numerose transizioni tra la greca, romana, normanna, sveva, angioina, aragonese e castigliano e tutti hanno lasciato la loro impronta.

Il picco di grandezza della Provincia è legato allo sfruttamento delle miniere di zolfo locali, parte del patrimonio storico-naturale di Caltanissetta.

Il paesaggio parla ancora delle antiche miniere, con i loro pozzi e cunicoli incisi nel profilo della montagna. Secco, colline di colore giallo tracciano il profilo di questo settore, ma in primavera il panorama cambia, assumendo una tonalità verde intenso.

Dolci colline scendono verso la costa raggiungendo l'uscita provinciale al mare. I colori vivaci di uliveti, vigneti e agrumeti dipingono tutta la provincia in un contrasto inequivocabile verso il mare.

Infatti, la zona settentrionale di Caltanisetta è montuosa, con le colline e ampie vallate, e offre un ambiente eccellente per la coltivazione di alberi di noce, vigneti e ulivi.

Mappa di Caltanissetta





Cosa visitare a Caltanissetta


Un museo a cielo aperto, le offerte culturali di Caltanisetta possono essere suddivise in itinerari medievali e archeologici.

Il primo consiste in visite ai principali castelli e torri di avvistamento presenti in tutto il territorio. Questa è anche una buona occasione per visitare i numerosi edifici religiosi che rivelano interessanti sorprese.

Uno dei castelli più sorprendente è quello di Mussomeli, risalente al 14° secolo, ma in seguito modificato con mura merlate e una torre quadrata. La leggenda narra che tre sorelle sono stati sepolte vive in una delle sale, ora nota come la "Sala delle tre sorelle".

Arroccato su uno sperone roccioso è il castello ben conservato di Delia, dove i visitatori possono godere di una splendida vista sul territorio circostante.

Butera, che si trova nella pianura vicino alla costa, è facilmente riconoscibile per il suo castello che aleggia sul paese.

Al porto del Mediterraneo di Gela è presente il Castello di Terranova, composto da una pianta quadrata con quattro torri quadrate; e il Castelluccio, altrettanto vale la pena visitare.

Poi, in Manfria, a breve distanza dal porto, una torre di difesa sorge su una collina, con vista sul Golfo di Gela.

Gela è stato uno delle più grandi colonie greche in Sicilia, e gli scavi passati dell'Acropoli hanno portato alla luce due templi dorici, uno dei quali è dedicato ad Athena. Reperti interessanti sono emersi anche a Bosco Littorio.

Da non perdere le mura fortificate di Capo Soprano, uno degli esempi più belli di antiche strutture difensive militari greche.

Su una collina non lontano da Caltanissetta, siamo in grado di visitare il parco archeologico di Gibil Gabib, con la sua torre di difesa e parti delle mura perimetrali - insieme ad altri reperti - risalire al 6° secolo aC

Vassallaggi, un tempo sede di una necropoli, stimola anche un grande interesse per le sue tombe rupestri, dove sono stati trovati molti oggetti funerari, tra cui vasi in ceramica, anelli, fibbie, placche di bronzo e coltelli.

Da non perdere a Caltanissetta sono il Castello di Pietrarossa; la bella cattedrale con i suoi due campanili alti; l'Abbazia di Santo Spirito, una volta, casa di campagna fortificata e trasformata in chiesa dai Normanni; e la Chiesa di Sant'Agata, il suo interno riccamente decorata con marmi policromi e una pianta a croce greca.

Infine, tre musei a Caltanissetta: Museo Diocesano, il Museo di Mineralogia, e il nuovo Museo Archeologico regionale.

La città di Caltanissetta è facilmente percorribile a piedi, qui si riportano i principali luoghi e monumenti da visitare:

- Chiesa Di San Francesco da Paola (Gela)
- Chiesa Sant'Agostino (Gela)
- Abazia di Santo Spirito (Caltanissetta)
- Acquapark Conte (Sommatino)
- Acropoli di Gela (Gela)
- Area Archeologica di Sofiana (Mazzarino)
- Area archeologica demaniale Gibil Gabib
- Bagni Greci di Gela (Gela)
- Capo Soprano (Gela)
- Castello Manfredonico Chiaramontano (Mussomeli)
- Castello Svevo di Gela
- Castello di Butera
- Castello di Sabuci (Lu Castiddrazzu)
- Chiesa Madre (Butera)
- Chiesa Madre Gela
- Chiesa Ortodossa di San Calogero
- Chiesa San Domenico
- Chiesa San Francesco d'Assisi (Gela)
- Chiesa San Giovanni (Gela)
- Chiesa del Carmine (Butera)
- Chiesa del Carmine (Gela)
- Chiesa del Rosario (Gela)
- Chiesa di San Biagio (Gela)
- Chiesa di Sant'Agata al Collegio
- Chiesa di Santa Maria degli Angeli
- Comune di Butera
- Convento Frati Minori Cappuccini (Gela)
- Corso Vittorio Emanuele (Gela)
- Distretto Turistico delle Miniere
- Emporio Greco Arcaico (Gela)
- Euro Park Roccella (San Cataldo)
- Ex Convento dei Benedettini (Gela)
- Lo Giardino dello 'Ngegno (Gela)
- Love beach,Stabilimento Balneare (Gela)
- Manfria
- Masseria del Fuedo
- Museo Archeologico di Gela (Gela)
- Museo Didattico di Storia Naturale (Niscemi)
- Museo Etnoantropologico (Sutera)
- Museo Mineralogico di Caltanissetta
- Museo Regionale Interdisciplinare di Caltanissetta
- Museo della Miniera Trabia Tallarita (Riesi)
- Osservatorio Astronomico e Planetario di Montedoro
- Palazzo Ducale (Gela)
- Palazzo Ex Convitto Pignatelli Roviano (Gela)
- Palazzo Moncada
- Parco di Montelungo (Gela)
- Parrocchia - Santuario San Rocco (Butera)
- Parrocchia dei PP. Cappuccini (Mazzarino)
- Piazza Garibaldi
- Piazza Roma (Gela)
- Piazza San Giacomo (Gela)
- Piazza Umberto I (Gela)
- Presepe Vivente Di Sutera
- Regaleali (Vallelunga Pratameno)
- Riserva Naturale Biviere di Gela (Gela)
- Santa Maria La Nova - Cattedrale di Caltanissetta (Caltanissetta)
- Santuario Diocesano San Paolino (Sutera)
- Santuario Gesù Redentore
- Stadio Vincenzo Presti
- Teatro Regina Margherita
- Villa Garibaldi (Gela)


Raggiungere Caltanissetta in treno


Diversi treni al giorno viaggiano da e per Palermo, Gela e Agrigento. Ci sono anche diversi treni da e per Enna, ma la stazione centrale di Enna, è molto sud della città stessa.


Raggiungere Caltanissetta in aereo


Ci sono voli giornalieri da tutte le principali destinazioni italiane ed europee in Sicilia.

- L'aeroporto internazionale di Catania Fontanarossa - http://www.aeroporto.catania.it
- L'aeroporto internazionale Falcone-Borsellino - http://www.gesap.it
- L'aeroporto di Trapani Birgi - http://www.aeroportotrapani.com


Raggiungere Caltanissetta in auto


Ragusa si trova sulla dalla SS115 che corre tra Agrigento, Noto e Siracusa

- Da Catania prendere la SS114 e girare per Lentini SS194. Da qui seguire le indicazioni per Ragusa sulla SS514.

- Da Siracusa prendere l'autostrada A18 e poi la SS115.

- Da Agrigento / Gela seguire la SS.115


Raggiungere Caltanissetta con l'autobus


- da Catania: Prendere l'autostrada A19 per Palermo e prendere l'uscita Caltanissetta.

- da Palermo: Prendere l'autostrada A19 in direzione Catania e prendere l'uscita Caltanissetta. Se si decide di prendere la SS189 Palermo-Agrigento si deve prendere l'uscita Caltanissetta, dopo Aragona.

- da Trapani: Seguire la strada costiera sulla SS 115. Dopo il segnale Porto Empedocle Caltanissetta, si prende la SS640 verso Caltannissetta / Canicattì. 

- da Siracusa: Vai a Catania e prendi l'autostrada A19 per Palermo. Prendere l'uscita Caltanissetta. 

- da Agrigento: Da Agrigento prendere la SS 640 in direzione di Caltanissetta. 

Distanza e il tempo necessario
- Valle dei Templi: 18 km, 15 minuti
- Agrigento: 22 km, 20 min
- Piazza Armerina (Villa Romana del Casale e mosaici): 80 Km, 1 h 10 min
- Naro (città in stile barocco): 18km, 20 min
- Aragona (i piccoli vulcani di Macalune): 11,5km, 10min
- San Leone (spiagge e vita notturna): 23 km, 20min
- Canicatti: 8km, 7 min
- S. Angelo Muxaro (zona antica di sepoltura): 28 km, 25 min
- Cammarata (riserva naturale con Mt Cammarata): 40 km, 45 min
- Porto Empedocle (spiagge di Scala dei Turchi e Lido Rossello): 29 km, 25min
- Siculiana Marina (la riserva naturale di Torre Salsa WWF): 40km, 40min
- Eraclea Minoa (il Capo Bianco spiaggia e anfiteatro greco): 50 km, 40 minuti




Potrebbe interessarti anche: