Come arrivare a Belluno?



 

Nel nord del Veneto, circondata dalle Dolomiti, è presente la Provincia di Belluno. Si tratta di una destinazione turistica famosa dove arte, storia e cultura formano un legame perfetto con l'ambiente circostante. Questo paesaggio straordinario è costellato da questa pittoresca cittadina, imponenti montagne, splendide vallate e boschi silenziosi.

Le Dolomiti sono senza dubbio la più grande attrazione della zona, uno straordinario capolavoro monumentale naturale dichiarata patrimonio mondiale dell'UNESCO nel 2009. Nel corso dei secoli, madre natura è stata la sua artista inimitabile. Spiccano all'interno di questa catena montuosa la Marmolada, Monte Antelio, il Monte Civetta, e le Tre Cime di Lavaredo, offrendo ai visitatori l'opportunità di ammirare splendidi scenari, grandi valli accompagnate da imponenti pareti rocciose, laghi di dimensioni variabili che, in estate, tingono di blu l'intera zona.

Un sacco di torrenti, fiumi e cascate di boschi puliti e ruggenti acque quando la neve invernale si scioglie creando un paesaggio quasi surreale.

Anche il cielo è straordinario qui, con tramonti incredibili, seguito da un'ondata di blu intenso che colora il paesaggio, e poi il buio della notte, una luna luminosa e una moltitudine di stelle. Le vacanze in mezzo la natura sono ideali e versatili qui, e sono completate dalla storia e le tradizioni di questa terra.

Un tour delle ville e castelli, abbazie e monasteri, siti archeologici, musei, città e piccole città antiche offre ampie opportunità per sperimentare sia il mondo naturale e l'affascinante patrimonio storico e artistico di questa zona.


Mappa di Belluno





Cosa visitare a Belluno


Belluno rappresenta il cuore della vasta regione montagnosa che si estende dal Trentino-Alto Adige / Südtirol, l'Austria e Friuli e il Veneto , e attraversata dal fiume Piave e dei suoi affluenti.

Fondata dai Paleoveneti divenne un municipio romano nel 2° secolo aC e ha visto un grande sviluppo urbano ancora oggi visibile sull'asse principale della città. 

Con la disintegrazione dell'Impero Romano d'Occidente è diventata di dominio dei Longobardi nel 4° secolo e dei Franchi nell'8°, fino a diventare un dominio del papato nel '900. Contesa da famiglie rivali, dal 1404 è diventata possesso di Venezia, migliorando rapidamente il suo aspetto medievale, con molti palazzi gotico-rinascimentali tipiche della Repubblica di Venezia. Tali edifici come Palazzo dei Rettori sono sparsi in tutto il centro storico, in una posizione straordinariamente suggestiva in cima a un promontorio alla confluenza dei fiumi Piave e Ardo.

Imperdibili per il visitatore sono la chiesa di S. Stefano e il Duomo di Tulio Lombardo, costruito agli inizi del 16° secolo e con alto campanile di 69m progettato da Filippo Juvara e considerato uno dei più rappresentativi del periodo barocco in Italia. Il Duomo ospita anche opere di Jacopo Bassano, Palma il Giovane e Andrea Brustolon, famoso scultore e incisore di Belluno. Al Museo Civico si possono ammirare opere di Jacopo da Montagna, Bartolomeo Montagna, Andrea Brustolon, Andrea Solario, Fra Galgario, Sebastiano Ricci e suo nipote Marco Ricci, e Fra Galgario.

La città di Belluno è facilmente percorribile a piedi, qui si riportano i principali luoghi e monumenti da visitare:

- Alpi Orientali
- Alte Vie delle Dolomiti
- Antelao
- Basilica Cattedrale di San Martino
- Castello di Belluno
- Catinaccio d'Antermoia
- Chiesa di San Biagio
- Chiesa di San Pietro
- Chiesa di San Rocco
- Chiesa di San Tiziano
- Chiesa di Santo Stefano
- Cinque Torri
- Croda da Lago
- Fontana Di San Gioata
- Gruppo del Cristallo
- MiM Belluno
- Monte Agudo
- Monte Civetta
- Museo Civico
- Palazzo Crepadona
- Palazzo Doglioni
- Palazzo Fulcis Marchetti
- Palazzo Piloni
- Palazzo Rosso
- Palazzo dei Rettori
- Parco giochi Neve e Sole
- Passo di Falzarego
- Piazza dei Martiri o Campedel
- Piscina Comunale Di Belluno
- Pomagagnon
- Porta Dante
- Porta Dojona
- Porta Rugo
- Santa Maria dei Battuti
- Tofane
- Torre Civica
- Una Montagna di Teatro
- Via Mezzaterra

Raggiungere Belluno in treno


Il treno arriva nella zona di Belluno attraverso due linee ferroviarie: Via Montebelluna o Via Vittorio Veneto, le principali stazioni della Provincia di Belluno sono Feltre, Belluno e Calalzo di Cadore dove il treno capolinea fa ed è situato in posizione centrale per l'accesso alle Dolomiti.


Raggiungere Belluno in aereo


L'aeroporto più vicino e comodo è a Treviso, seguono quelli di Venezia, Bolzano, Verona e Trieste.  Belluno ha solo un piccolo aeroporto turistico

Compagnie aeree da e per gli aeroporti nelle vicinanze di Belluno:
- Ryanair
- Easyjet
- Air One
- Air Alps
- Air Dolomiti
- Carpatair
- Alitalia
- British Airways
- Air France
- Lufthansa


Raggiungere Belluno in auto


da Nord
- Da Brunico per SS 244 attraverso il Campolongo e Passo Falzarego
- Da Dobbiacco per SS 51 attraverso Cima Banche o Misurina
- Da San Candido per SS 52 attraverso il Passo di Monte Croce Comelico

da est
- Da Tolmezzo per la SS 355 attraverso Cima Sappada
- Da Tolmezzo per SS 52 Pass Through Mauria
  Da Maniago del Friuli per SS 251 attraverso la valle del Vajont

da sud
- Da Venezia, Treviso, Conegliano, Vittorio Veneto tramite l'autostrada A27 attraverso il Passo del Fadalto
- Da Vittorio Veneto per la vecchia strada SS51 attraverso il Passo del Fadalto
- Da Tovena per SS 635 attraverso il Passo San Boldo
- Da Montebelluna per SS 348 che risale la Valle del Piave
- Da Bassano del Grappa per la SS 141 attraverso il Monte Grappa Gruppo

da ovest
- Dalla Valsugana Primolano posizione attraverso la strada statale 50 in via galleria o per la vecchia strada attraverso la "scala di Primolano"
- Da Predazzo per SS 50 attraverso il Passo Rolle, San Martino di Castrozza e Fiera di Primiero
- Da Predazzo per SS 346 attraverso il Passo di San Pellegrino
- Da Predazzo per SS 48, SS 641 deviazione attraverso il Passo della Fedaia 
- Da Ponte Gardena, Ortisei per SS 242 attraverso il Passo Sella e al Passo Pordoi o Gardena e Campolongo


Raggiungere Belluno in autobus


La rete stradale provinciale è in gran parte coperta da autobus che partono e arrivano dalle province limitrofe è completato da linee invernali aggiunte per le stazioni sciistiche. In estate, le linee aggiuntive portano verso alle località balneari dell'Adriatico.




Potrebbe interessarti anche: