Come arrivare a Predappio?



 

La città di Predappio si estende lungo la valle del fiume Rabbi, nel cuore degli Appennini romagnoli, in una zona collinare circondata da pregiati vigneti, a circa 30 km dal 'Parco delle Foreste Casentinesi'.

Probabilmente di origine romana, Predappio era una volta un piccolo villaggio sulle colline, che si estendono intorno al Castello medievale. La sua storia più recente è fortemente segnata da Benito Mussolini che, tra il 1920 e il 1940, ha chiamato gli architetti più importanti di quel tempo per rinnovare e portare onore alla sua città natale. Oggi Predappio è un vero e proprio museo urbano con tracce di urbanistica e gli stili architettonici del Ventennio (il ventennio fascista) ancora visibili.

Una visita alla città di Predappio seguendo l'itinerarante Museo Urbano permette ai visitatori di comprendere appieno il valore del suo patrimonio storico, artistico e culturale.

Questo "museo all'aperto" può essere "visitato" durante tutto l'anno: è infatti un itinerario segnato da cartelli che vi permetterà di ammirare le tracce più significative dell'architettura periodo fascista, che sono rimaste quasi inalterate.

Tra gli edifici più rappresentativi, vale la pena menzionare sono l'ex Casa del Fascio e dell'Ospitalità - costruita tra il 1934 e il 1937 e progettato dall'architetto Arnaldo Fuzzi - che si distingue per le sue dimensioni impressionanti e i contrastanti colori rosso e bianco, e il Palazzo Varano, che fu la residenza della famiglia Mussolini per circa venti anni ed è oggi sede del municipio.

Un vecchio edificio situato in una posizione elevata che domina tutta la città, il Palazzo fu ricostruito tra il 1926 e il 1927 secondo il progetto degli ingegneri civili di Forlì, e più tardi è stato significativamente modificato dall'architetto Florestano Di Fausto che ha convertito l'aspetto ruvido della la rocca in villa comunale.

Ristrutturato nel 1939, il Cimitero Monumentale merita una visita: progettato dall'architetto Di Fausto in stile romanico, annovera al suo interno la Chiesa di S. Cassiano in Pennino, e negli angoli opposti del portico, l'ingresso e la cappella dove è sepolto la famiglia Mussolini.


mappa Predappio





 
Raggiungere Predappio in treno


Non c'è stazione ferroviaria di Predappio quindi forse la soluzione migliore sarebbe un taxi o un autobus locale da Forlì che è a circa 16 km da Predappio.

Linea Bologna - Rimini - Ancona - Bari - Lecce
Da Forlì (Piazza Saffi), il collegamento con il comune di Predappio è garantito dal servizio autobus linea suburbana "ATR" (Linea 96/96A: Forlì - Meldola - Predappio).


Raggiungere Predappio in aereo



Gli aeroporti più vicini a Predappio sono:

- Aeroporto di Forlì 19 km
- Aeroporto di Rimini-Miramare 77 km
- Aeroporto di Firenze-Peretola 107 km
- Aeroporto di Bologna-Borgo Panigale 108 km
- Aeroporto di Siena-Ampugnano 167 km
- Aeroporto di Perugia-Sant'Egidio 180 km
- Aeroporto di Ancona-Falconara 185 km
- Aeroporto di Reggio Emilia 186 km
- Aeroporto di Padova 216 km
- Aeroporto civile di Verona 251 km
- Aeroporto di Grosseto


Raggiungere Predappio in auto


Dall'autostrada Adriatica A14, prendere l'uscita di Forlì, poi seguire la strada provinciale n. 3 (del Rabbi) in direzione Premilcuore-Firenze.

- Da Nord (Bologna)
Dall'autostrada Adriatica A14 direzione Ancona, uscire al casello di Forlì, a Forlì prendere la SS 67 in direzione Firenze, continuare sulla SP 3 in direzione di Predappio.

- Da Sud (Ancona)
Dall'autostrada Adriatica A14 direzione Bologna, uscire al casello di Forlì, a Forlì prendere la SS 67 in direzione Firenze, continuare sulla SP 3 in direzione di Predappio.

- Da Forlì
Prendere la SP 3 in direzione di Predappio.

- Da Ravenna
Percorrere la SS 67 in direzione di Forlì, attraversare Forlì, continuare sulla SP 3 in direzione di Predappio.

- Da Rimini
Prendere la SS 9 Via Emilia in direzione di Santarcangelo di Romagna, Savignano sul Rubicone, Cesena, Forlimpopoli, continuare sulla SP 37, SS 310/SP 4, attraversare Meldola e continuare sulla SP 126 in direzione di Predappio.




Potrebbe interessarti anche: